Costellazione di Orione

//Costellazione di Orione
Costellazione di Orione 2017-01-26T04:58:44+00:00

Costellazione di Orione

Sigla – Ori

La costellazione di Orione rappresenta il fulcro del cielo invernale; si trova immersa nella vastità della Via Lattea ed è pertanto ricca di ammassi, nebulose luminose( M42, M78, etc.), oscure, svariate nebulose planetarie (, etc.). L’area occupata è 594 gradi quadrati

Stelle principali:

Alfa Orionis (Betelgeuse in preislamico, dopo varie vicende sull’interpretazione, l’ultima è “la stella sulla spalla di Orione”); dista 427 anni luce, la magnitudine apparente è 0,45 (visuale) mentre la magnitudine assoluta è – 5,14 e pertanto la stella è 9300 volte più luminosa del Sole.La classe spettrale è M2, la temperatura superficiale è 3100° K, il diametro è colossale 630 diametri solari, la massa è tra 12 – 17 masse solari. Betelgeuse ha una luminosità variabile da 0,4 a 1,3 con un periodo di 5,777 anni. Durante tali pulsazioni il diametro dell’astro passa da 460 a 780 masse solari.

Beta  Orionis (Rigel – il nome è arabo e significa “il piede di”), la distanza è di 770 a.l., la magnitudine apparente è 0,18 (visuale); la magnitudine assoluta è -6,69 e cioè 38.700 volte più luminosa del Sole. Il diametro è 70 volte il diametro solare, la massa 17 volte; il tipo spettrale B8 e la temperatura è di 11.000 °K,.

Gamma  Orionis   (Bellatrix – dal latino “la guerriera”, dista 243 a.l.), la magnitudine apparente è 1,64 e la assoluta – 2,72 luminosità 1000 volte quella solare, il tipo spettrale è B2, la massa ed il diametro sono 7,8 e otto volte quello solare.

Delta Orionis (Mintaka – il nome è preislamico e significa “la cintura di”), dista 920 a.l., la magnitudine apparente è 2,25 (v) mentre è 8100 volte più luminosa del Sole; la stella è una binaria ad eclisse di periodo 5,732476 giorni con una variazione di 1,94 e 2,13. la massa è 20 volte il Sole ed il diametro delle 2 componenti varia da 8 – 9 a 15 -18 volte quello solare, le classi spettrali sono B e O; le temperature sono di 30.000° K.

Epsilon Orionis (Alnilam – il nome è preislamico e significa “il filo di perle” formato dalle 3 stelle della cintura); dista 1340 a.l.; la magn. app. è 1,69 v. mentre è 29.100 volte più luminosa del Sole, il diametro è 50 volte, la cl. Sp. BO; la temp. superf. È di 25.000° K. La massa è 40 masse solari.

Zeta Orionis (Alnitak – il nome è preislamico e significa “ la cintura di” formata, ribadisco, dalle stelle Delta, Ipsilon e Zeta Orionis); dista 820 a.l.; la magn. App. è 1,74; è una stella doppia magn.1,88 e 4,02 con luminosità di 9100 e 1270 volte il Sole; il diametro ,per la primaria, è 26 volte il Sole la massa 20 masse solari mentre l’altra ha diam. 4 volte il Sole e 14 masse solari.

Omicron Orionis (Trapezio – la stella multipla più famosa del cielo); le componenti A,B,C,D, hanno magn. App. di 6,7v, 7,9v, 5,1, 6,7 e formano un trapezio;le stelle A e B sono binarie ad eclisse; dista 1800 a.l.; il trapezio è il nucleo di un ammasso stellare compatto di stelle molto deboli(300 stelle di magn. 17 circa). Trattasi di un ammasso giovanissimo(pochi milioni di anni) il più giovane noto e sia in fase di contrazione gravitazionale.

Kappa Orionis (Saiph – il nome è preislamico e significa “ la spada del gigante”) – dista 720 a.l.; magn. app. 2,06 v mentre la luminosità è 6.000 volte il Sole; il diametro è 24 volte; la massa è tra 15 – 17 masse solari, la classe spettr. È BO , la temp. è di 26.000° K.

Lambda Orionis (Meissa – il nome è preislamico e significa “ il cerchio di pellame sul cavallo”; dista 26 a.l.;

è 2,8 più luminosa del Sole; spettro F6, temperatura 6500° k, massa 1,2 , diametro 1,7 volte il Sole.

Nebulose – Come accennato la costellazione è ricca di preziosissime gemme tra le quali spicca la famosa nota a tutti gli amanti del cielo. Altra notissima ma no visibile al telescopio è la nebulosa Tetc.

Ammassi stellari:

Cr 69 – in prossimità della stella Lambda

NGC1662 verso il confine con il Toro,

NGC 2194 verso l’equatore galattico, etc.

Nebulose Planetarie:

PK 198-6.1

J 320 verso il confine con il Toro,

NGC 2022

Galassie:

poche sono le galassie con luminosità inferiore a 13